fbpx

Riduci il Carico Fiscale della tua Azienda con il Tax Planning Internazionale

top hero img

4 Segreti per Non Buttare i Soldi del Tuo Gruppo Aziendale in Tasse

In questo report ti  spiego quali sono i 4 segreti che devi assolutamente conoscere se vuoi che i soldi del tuo gruppo aziendale non vadano a finire nella spazzatura o addirittura in tasse. In definitiva ti svelo quali sono i Paesi nel mondo che ti consentono di investire in serenità aumentando la prosperità del tuo gruppo aziendale in poche semplici mosse e in maniera 100% legale.

soldi aziendali segreti tasse

I segreti sono qualcosa che tutti vorrebbero conoscere, ma quando si tratta di segreti destinati a salvare i soldi aziendali dalle tasse di tutto il mondo ecco come tutti gli imprenditori diventano attenti. E’ quello che farò in questo report.

Diciamo la verità, siamo in guerra! Una sporca guerra! E chi non vuole sporcarsi le mani o se la fa sotto è meglio che se ne torni a praticare un gioco di squadra dove possibilmente se ne può restare in panchina ed entrare magari a cosa fatta verso gli ultimi minuti di gioco, così, giusto per salvare la coscienza e dire che ha partecipato.

Ma che partecipare non basta lo sappiamo da sempre; qualsiasi imprenditore con gli attributi sa bene che restare in panchina significa far fallire la propria azienda, sa bene che se non si sporca le mani – anzi le braccia fino alle spalle – la sua attività chiuderà e il suo sogno di tutta una vita andrà in pezzi. “Restare in panchina is not an option”  come dicono gli inglesi.

C’è più di un problema da risolvere quando si combatte la guerra conto il fisco e le tasse. E questo è vero in ogni paese del mondo, non solo in Italia. Un imprenditore o un manager serio alla guida di un gruppo che fa affari con l’estero sa bene che deve guardarsi dalle tasse e dalle trappole di tutte le amministrazioni finanziarie (le rispettive Agenzia delle Entrate e Guardia di Finanza per intenderci) dei paesi con i quali fa affari.

Se non lo fa, se dà qualcosa per scontato o pensa che a lui non succederà è molto probabile che si troverà una bella sopravvenienza passiva in bilancio per sanzioni e tasse non pagate prima o poi.

5 paradisi fiscali video

É una guerra perché in un contesto economico internazionale le tasse da prendere in considerazione non sono più soltanto quelle degli stati nazionali (che di sovrano ormai non hanno più nulla o quasi) ma sono molto più ampie e complesse poiché è necessario guardare sia a quello che decide l’Europa in ambito fiscale sia alle restanti ed ulteriori norme di diritto tributario internazionale contenute nei trattati contro le doppie imposizioni e nei vari trattati multilaterali imposte agli stati dall’OCSE (l’Organizzazione per Sviluppo Economico Internazionale). Insomma, è davvero un bel casino e restare aggiornati e protetti non è esattamente la cosa più semplice del mondo.

C’è da dire però che in questo casino le varie legislazioni nazionali continuano (e non potrebbe essere diversamente) a tentare di attrarre capitali ed investitori provando a mantenere in vigore norme agevolative nei confronti degli investitori. Non possono tuttavia esagerare, altrimenti l’Europa arriva prontissima ad erogare sanzioni e a far chiudere baracca. Tuttavia, non lasciate ogni speranza o voi che entrate … semplicemente affidatevi a Soluzione Zeta 😉

In questo report voglio allora lanciare un messaggio, un filo di speranza (molto più di un filo in realtà) a te imprenditore o manager che non sai più che pesci prendere tra normative e amministrazioni internazionali per mandare avanti il tuo business in serenità senza rischiare l’infarto ogni volta che ti ritrovi a avere a che fare con un accertamento tributario. Esistono paesi dove investire consente un lecito risparmio di imposta e soprattutto blindato da accertamenti. Come dire, anche se arrivano a romperti le scatole, sarai sempre in regola e non rischierai sanzioni.

Ma allora “a cosa devo guardare per risparmiare in tasse quando organizzo il mio gruppo aziendale” ti starai chiedendo. Ebbene, ogni gruppo aziendale con la sua strategia di espansione e penetrazione dei mercati fa un po’ storia a sé, è sempre necessario osservarlo dall’interno prima di dare i giusti consigli fiscali che conducono ad un legale risparmio di imposta.

Però, quello che Soluzione Zeta può fare per te adesso, è darti una bussola per orientarti nel mondo delle normative fiscali nazionali ed internazionali e dirti esattamente quali sono i 4 segreti che un paese deve avere se vuoi stabilirvi una delle tue società oppure la Holding per salvare i soldi aziendali dalle tasse. Iniziamo.

I 4 Segreti: Patent Box Regime

Il Patent Box Regime è un regime fiscale altamente innovativo istituito da alcuni paesi nel mondo per attrarre investimenti in ricerca e sviluppo così come anche per agevolare le imprese locali invogliandole ad investire in ricerca e sviluppo appunto.

Del resto le attività  di “ricerca e sviluppo” sono attività che dovrebbero essere alla base di ogni sistema economico che si rispetti in quanto sono destinate a generare “prosperità” in tutti i sensi (+ aziende, + lavoro), ed è per questo che dal mio punto di vista andrebbero sempre agevolate con considerevoli sgravi fiscali.

In linea generale, un Patent Box Regime prevede l’applicazione di un tax rate effettivo inferiore al livello standard di tassazione delle aziende di quel paese, di solito escludendo dalla base imponibile i redditi che derivano dall’aver concesso in licenza le proprietà intellettuali di un’azienda (es. Marchi, brevetti, copyrights, disegni e formule commerciali).

Un Patent Box Regime che si rispetti arriva ad agevolare, escludendoli da tassazione, anche i profitti e le royalty che derivano dalla vendita di prodotti e servizi che sfruttano la proprietà intellettuale del gruppo aziendale.

Ecco allora di seguito alcuni paesi che applicano il Patent Box Regime e che potrebbero fare al caso tuo. Attenzione, ognuno ha le sue proprie caratteristiche e differisce da un altro per condizioni ed agevolazioni:

  • Belgio
  • Francia
  • Ungheria
  • Olanda
  • Lussemburgo
  • Spagna
  • Italia
  • Regno Unito

Tuttavia, come ti dicevo poc’anzi, è necessario fare attenzione. Il 18 ottobre 2013 la Commissione Europea ha annunciato ad esempio che il patent box regime inglese potrebbe essere considerato in violazione del Codice di Condotta per la tassazione delle attività economiche perché sarebbe di fatto equiparabile ad una concorrenza sleale …

I 4 Segreti: Partecipation Exemption Regime

Questo regime è valido per le aziende di numerosissimi paesi del mondo e serve in sostanza ad eliminare il fenomeno di doppia imposizione internazionale a livello della società a capo di un gruppo. In sostanza, in virtù di questo regime, la società Madre di un gruppo, quando riceve i dividendi dalla sue società figlie e consociate in giro per il mondo, non tassa appunto i dividendi in entrata.

Questo sulla base del fatto che si tratta di utili che già sono stati tassati a livello di azienda prima di essere distribuiti. Anche questo regime, per essere applicato, richiede delle condizioni specifiche che cambiano da paese in paese (es. minimum holding period, minimum percentage holding requirement, ecc.).

5 paradisi fiscali video

Paesi come Austria, Belgio, Cipro, Danimarca, Francia, Irlanda, Italia, Lussemburgo, Malta, i Paesi Bassi, Spagna, Svizzera, Regno Unito hanno un partecipation exemption regime, il che rende questi paesi ideali per ospitare la holding company di un gruppo aziendale multinazionale.

Un consiglio: nelle attività di tax planning internazionale è importante combinare il regime di partecipation exemption con le normative previste dai trattati contro le doppie imposizione in essere tra il paese dove si decide di aprire la holding company ed i paesi che ospiteranno le altre società del gruppo aziendale.

Questo consente infatti di arrivare addirittura ad una doppia NON tassazione dei dividendi evitando sia la tassazione del dividendo in entrata a livello di casa madre (o holding company) sia evitando l’applicazione di ritenute a titolo di imposta sui dividendi in uscita a livello di società figlie.

I 4 Segreti: Holding Company Regime

Paesi che non ti aspetti offrono dei cosiddetti Holding Company Regime straordinari, e senza neanche andare lontano. L’Austria su tutti, ma anche il Belgio, Cipro, l’Ungheria e l’Irlanda (come vedi si resta in Europa con grande protezione legale per il tuo business e non solo) vantano regimi altamente innovativi ed attrattivi per costituire holding company (o società capogruppo) all’interno dei rispettivi confini nazionali.

Quello delle holding companies è un regime complesso che, ancora una volta ahimé, può cambiare significativamente da paese a paese e di anno in anno ma tu, come avrai capito hai in Soluzione Zeta  il tuo asso nella manica per gestire il tutto e rimanere aggiornato in serenità. Ad ogni buon conto, ecco qui di seguito alcuni dei vantaggi fiscali che un holding company regime può offrirti:

  • Riduzione o eliminazione di ritenute di imposta su dividendi, interessi e royalty in entrata
  • Riduzione o addirittura eliminazione delle imposte sul reddito di impresa e sui capital gain
  • Accesso ad un vasta rete di trattati contro le doppie imposizioni con relativo accesso, evidentemente, alla risoluzione di problemi legati ad eventuale fastidiosissime doppie tassazione di fenomeni reddituali a livello di gruppo nei vari paesi del mondo.

I 4 Segreti: Territorial Tax Regime

Un sistema fiscale territoriale, ne abbiamo già parlato numerose volte, è quel sistema nazionale che tassa solo i redditi prodotti all’interno di quello stato (derivanti ad esempio dalla vendita di prodotti e servizi che avvengono all’interno dei confini nazionali). Un sistema fiscale territoriale riduce il tax rate effettivo evidentemente escludendo da tassazione i redditi prodotti all’estero.

Il rovescio della medaglia, i questi casi, è che i Paesi che lo adottano sono spesso utilizzati per costituire conduit companies o società holding le quali danno vita a vere e proprie attività di treaty shopping, una pratica elusiva combattutta a livello internazionale dagli appositi organi di controllo.  Si tutti ricordiamo: Hong Kong, Panama e Singapore.